Ondasolare

World Solar Challenge

G’day mates!
 
Mancano meno di 100 giorni all’inizio del Bridgestone World Solar Challenge, ma per Emilia 4 ne mancano molti meno per la partenza in nave.
 
Questa settimana sono stati realizzati importanti componenti e la macchina è stata verniciata con la sua nuova colorazione.
Il sabato richiama in officina un ordinato caos di persone tutte impegnate a migliorare i diversi aspetti del progetto. Si va da questioni più tecniche con pezzi meccanici e dispositivi elettrici a quelle logistiche con la realizzazione di tavoli e panchine personalizzate per il campeggio, senza dimenticarsi dei (pochi) momenti di svago e relax in Australia in cui potremo sederci a tavola tutti insieme…stiamo addirittura stendendo il menù!
 
Le nuove ruote di Emilia.
 
In foto si può vedere la nuova versione delle ruote.
Quest’anno vengono laminate in tre fasi con un’unica cura finale: prima si lamina il canale sul suo stampo di alluminio, poi si posano le pelli sulla parte di stampo che realizza la lente, si chiudono i due stampi uno sull’altro e infine si ultima la congiunzione completando la lente con la terza ed ultima posa di pelli. Il risultato finale parla da solo: oltre la bellezza e la leggerezza dell’oggetto, siamo sicuri di avere un pezzo altamente competitivo ed unico nel suo genere.
 
Altro grosso lavoro della settimana è stato il montaggio delle celle della batteria nei moduli. Emilia andrà in Australia con un pacco batteria più grande di quello americano a causa della maggiore velocità media richiesta dal regolamento.
E’ stato dunque necessario ripensarne l’assemblaggio e negli ultimi giorni si sono fatte le ore piccole per saldare a stagno e a elettrodo tutte le batterie. Con l’imminente completamento dell’apposita cassa di contenimento, molto presto si potranno condurre i test con il pacco completo, compiendo un altro importante passo verso il traguardo di Adelaide.
 
Ci aspettano ancora settimane di fuoco, continuate a controllare la pagine per gli ultimi aggiornamenti.
 
Stay sunny!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *