Ondasolare

World Solar Challenge

G’day mates!

In quel di Castel San Pietro, dove ha sede la nostra associazione, sono finalmente iniziati i lavori “grossi”. Per comodità abbiamo tolto le ruote ad Emilia e l’abbiamo sistemata sopra un carrello…una sorta di lettino del medico! Ha così avuto inizio lo smantellamento: via i passaruota, la coda, il tetto, il lunotto anteriore, tutti pezzi che andranno rifatti. Al momento l’unica certezza è lo chassis!

Fase di laminazione del nuovo parabrezza.

La settimana è stata ricca di notizie, belle e brutte.

Togliamoci il dente: la brutta notizia è che abbiamo saputo di avere molto meno tempo per poter finire i lavori. Ci hanno suggerito di imbarcare Emilia in direzione Australia non oltre i primi di agosto perché si stanno registrando diversi ritardi nella spedizione delle merci. Insomma c’è da rimboccarsi le maniche per finire tutto in tempo!

La bella notizia è che sono iniziati ad arrivare i modelli per realizzare gli stampi dei nuovi pezzi. Oggi vi parliamo nello specifico del lavoro per ottenere il nuovo parabrezza anteriore.

E’ uno degli ultimi pezzi ad essere stato realizzato l’anno scorso, fatto tra una laminazione notturna, una levigatura diurna ed un frettoloso incollaggio del parabrezza: quest’anno vogliamo impegnarci per ottenerne uno migliore.

Il regolamento della gara australiana prevede, inoltre, che a bordo della vettura ci sia un caricabatterie per la cui installazione sarà necessario realizzare un’apertura nella zona frontale di Emilia: la stessa apertura verrà sfruttata per far entrare aria nell’abitacolo. L’idea è quella di ottenere una specie di impianto di condizionamento a ventilazione naturale dal momento che nella zona di ingresso dell’aria la pressione non mancherà… ma ve ne parleremo più avanti!

Vi mostriamo lo stampo del nuovo parabrezza anteriore in fase di laminazione: la prima pelle in carbonio è quella sacrificale per la levigatura finale del pezzo, per il resto avremo un laminato di tipo sandwich, con tessuto in fibra di carbonio biassiale all’esterno (visibile in foto con il film protettivo ancora attaccato) e PVC da 3 mm all’interno.

Anche per oggi è (quasi) tutto, vi sveleremo il resto nelle prossime settimane!

Stay sunny!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *