Ondasolare

World Solar Challenge

G’day mates!
 
I fine settimana attraggono sempre più persone in officina per portare Emilia 4 in condizione di affrontare la gara di ottobre.
 
I lavori di laminazione si sono svolti secondo una rigida ma necessaria scala gerarchica.
I novizi si sono cimentati nel creare dei pannelli molto sottili per la protezione delle celle fotovoltaiche, uno sperduto ibrido elettrico-meccanico ha costruito la nuova scatola della batteria, laminatori più esperti si sono dedicati a pezzi meccanici come supporti e cerniere, infine il nostro capo laminatore ha affondato i denti nella nuova ruota per la quale si deve rispettare in maniera molto rigorosa il layup di progetto, anch’esso fatto in casa Onda Solare.
Accoppiamento del nuovo mozzo al rotore del motore.
 
In foto potete vedere che sono stati montati anche i nuovi mozzi sui rotori delle motoruote già esistenti. Come detto in precedenza, gli attacchi delle ruote sono cambiati notevolmente in direzione di una maggiore semplicità e scorrevolezza, ma i motori sono sostanzialmente gli stessi visto che si sono comportati egregiamente in America.
 
Quasi tutto il resto del team era occupatissimo a mettere a posto la carrozzeria di Emilia: la nuova parte posteriore è stata finalmente fissata in maniera definitiva ed adattata per rispettare i disegni aerodinamici. Anche il parabrezza ha ricevuto lo stesso trattamento ed ormai si può apprezzare il nuovo cambio di linea che i cambiamenti hanno portato.
 
Ma i test di Onda Solare non si limitano a quelli di resistenza meccanica dei pezzi o di saldatura batterie: in questi giorni prove di sopravvivenza stanno temprando il team al clima tropicale che affronterà a Darwin…speriamo che ci siano meno zanzare!
 
Stay sunny!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *