Ondasolare

World Solar Challenge

G’day mates!

Eccoci di nuovo con i nostri aggiornamenti settimanali riguardo la salute della campionessa di casa Onda Solare, Emilia 4.

Oggi giornata di grandi decisioni in officina.

Per un po’ le autoclavi son rimaste fredde ed i nostri laminatori senza cutter in mano: è stato necessario pianificare meticolosamente i prossimi lavori, il cosa e il quando farlo, cosa avesse la priorità e cosa potesse aspettare… ma non troppo!

Si è discusso a lungo riguardo il nuovo tetto di cui doteremo Emilia: è stata decisa la stratifica che darà vita al telaio di supporto del pannello solare, abbiamo scelto i punti di attacco del roll-bar e siamo quasi giunti ad una decisione definitiva riguardo il sistema di orientamento del pannello.

Il tutto è stato puntualmente registrato con carta e penna perché tutti sappiano cosa devono fare. Insomma, è quasi tutto pronto per il restyling. All’okay dei nostri aerodinamici, scateneremo l’inferno!

Dopo qualche ora di sole parole, però, non siamo più riusciti a stare fermi ed ecco che ci siamo rimessi al lavoro.

Stampo delle sospensioni laminato, pronto per essere chiuso.

La settimana scorsa vi avevamo mostrato il gruppo sospensioni che a breve monteremo su Emilia. Nonostante possa sembrare (ed effettivamente è) leggero, siamo certi di poter raggiungere risultati ancora migliori con quello che sarà il nostro “set da gara” dopo aver imparato la lezioni dai pezzi precedenti.

A breve sarà ultimato, intanto in foto potete vedere la fase finale di laminazione di un braccetto posteriore superiore, che a breve sarà ultimato, prima della chiusura dello stampo.

Quanto peserà il pezzo dopo la cura in autoclave?

“Sempre troppo!” direbbe qualcuno di nostra conoscenza per non farci rilassare sugli allori!

Continuate a seguire le nostre fatiche (e soddisfazioni) settimanali, ci pensiamo noi a tenervi… sul pezzo!

Stay sunny!

One thought on “Update 6-4-19: Decisioni

  1. A velocità praticamente costante raggiungere vette estreme di leggerezza non è poi così importante. Comunque se ci credete, perseguite. Suggerisco di chiudere lo stampo in atmosfera di elio puro, così le celle del nomex non risuleranno piene di pesantissima aria… :-)))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *