Ondasolare

World Solar Challenge

ANSA

Ecco Emilia 3, sole e motoruota per i 3000 km di deserto

Traversata australiana con tecnico Ferrari e un po’ di Porsche

07 settembre, 17:05

I: Presentazione Emilia 3

RIMINI – Svelata in tutti i suoi segreti al Palacongressi di Rimini Emilia 3, la nuova vettura elettrosolare che sfidera’ l’anno prossimo i piu’ performanti prototipi di questa categoria nella mitica ”Cannon ball” australiana, da Darwin ad Adelaide, 3000 km utilizzando come carburante esclusivamente i raggi del sole! La presentazione da parte di alcuni dei tecnici dell’impresa, gli ingegneri Francesco Cassarini dell’Universita’ di Bologna e Stefano Maglio, che lavora al Reparto Corse della Ferrari.
”Emilia 3 sara’ molto piu’ competitiva della precedente Emilia 2 – ha spiegato Cassarini – grazie alle moltissime novita’ che la compongono, ai notevoli alleggerimenti in tutta la componentistica. Per il nuovo pannello solare dobbiamo dire grazie a Giovanni Soldini che ha testato in anteprima questo elemento, che gli ha consentito di dominare le piu’ recenti transoceaniche in solitario. Abbiamo calcolato un guadagno del 30% in rendimento, che sommato agli alleggerimenti ci daranno la possibilita’ di percorrere non piu’ solo 300 km al giorno, ma almeno 450. La velocita’ massima di cui e’ stata capace Emilia 2 sono stati 92 km/h: con Emilia 3 contiamo di superare i 115.
Migliore aerodinamica, ma soprattutto la nuova motoruota (che fu la prima invenzione di un certo Ferdinand Porsche) che elimina di fatto la trasmissione con un peso dimezzato saranno i punti di forza di questa vettura”.
Con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna, Emilia 3 sta nascendo alla Grafite Compositi di Castel S.Pietro (Bologna) utilizzando quanto di meglio le nuove tecnologie e i nuovi materiali man mano vengono a disposizione. E oltre al World Solar Challenge, sponsor permettendo, vorrebbe continuare a misurarsi e portare avanti l’eccellenza della tecnologia italiana nelle analoghe competizioni che si svolgeranno negli Stati Uniti e in Giappone.

I:

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *