Ondasolare

World Solar Challenge

Quella di oggi è stata una giornata interlocutoria. I chilometri percorsi ieri ci hanno lasciato una grande mole di dati da analizzare al fine di ottimizzare il rendimento di Emilia 3: la giornata odierna prevedeva quindi alcuni interventi di natura meccanica ed elettronica, lasciando aperta la possibilità di rimettere la macchina su strada qualora ci fosse stato il tempo e le condizioni per verificare le modifiche fatte.
In mattinata gli Elettrici hanno elaborato i dati delle prove di ieri, mentre i Meccanici eseguivano una serie di regolazioni sulle sospensioni posteriori per migliorare la stabilità. Dopo pranzo sempre gli Elettrici hanno verificato il funzionamento del pannello solare, confrontandosi anche con i dati ottenuti dagli altri team.

L’organizzazione del WSC ci ha poi comunicato che da domani a venerdì sarà possibile provare qui in circuito, spiegandoci anche le modalità. Si potrà testare dalle 8.00 alle 18.00, prenotando dei “block” di mezz’ora ciascuno. Non c’è limite al tempo che sarà possibile passare in pista, ma la presenza di altre due regole finirà senz’altro per limitare i turni consecutivi. La prima è una banale regola di precedenza: chi si prenota per un dato turno non potrà essere “scavalcato” da altri team. L’altra regola, ancora più importante, prevede al massimo quattro vetture in pista contemporaneamente.

La pista, Hidden Valley Raceway, è inserita all’interno di un complesso dedicato al motorsport: è presente una pista di go-kart, una da motocross, una dedicata al mud racing (letteralmente “corsa nel fango”) e infine un rettilineo dedicato alle drag race, accanto a quello principale. Il tracciato che interessa le solar cars è lungo 2,8 chilometri, conta 14 curve e un rettilineo di ben 1 chilometro e 100 metri.

IMG_37068

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *