Ondasolare

World Solar Challenge

Il sesto giorno di gara ci siamo svegliati con due ottime notizie: il cielo era di nuovo sereno e il vento decisamente sceso d’intensità. La terza buona notizia era l’aria più fredda, per cui i piloti nell’abitacolo non avrebbero più avuto temperature da forno. La quarta, infine, la sapevamo già dalla sera precedente: solo 279km da Adelaide, una distanza abbordabile dato che senza imprevisti Emilia 3 aveva sempre fatto 500 km in scioltezza.

Tutto bene insomma, se non fosse stato per il fatto che quando abbiamo sollevato il pannello fotovoltaico per caricare le batterie gli Elettronici si sono resi conto che qualcosa non era a posto. Alcune celle sembravano non funzionare, e certo non potevamo ignorare il problema e metterci in strada. Senza perdere la calma, Mauro e gli Elettronici hanno individuato il problema: l’aria umida carica di salsedine aveva corroso una scheda elettrica, isolando le celle fotovoltaiche collegate ad essa. In dieci minuti e lavorando in uno spazio in cui passava a malapena una mano, illuminando la scheda in questione con una semplice pila, gli Elettronici hanno sostituito la scheda e riparto il danno. C’è stata apprensione nei primi chilometri dopo la partenza, ma ben presto abbiamo tutti capito che su quel fronte non c’era più nulla da temere.

Emilia 3 è arrivata al Control Stop di Port Augusta alle 12.36 locali. La Stuart Highway finisce qui, ma ci sono ancora 240km di gara da percorrere sulla Augusta Highway. Quando siamo ripartiti è iniziato il conto alla rovescia. Non è stato facile: questa strada è molto trafficata e conserva per lunghi tratti una sola corsia per senso di marcia. I team che hanno caricato, vedendo il traguardo, rimettono la vettura in strada e provano a concludere in bello stile. Da un lato è difficile sorpassare, dall’altro è facile essere sorpassati dal veloce traffico locale.

238km… poi 216… 176… 143… 98… 93… 72… ben sapendo che in realtà sono sempre 20 di meno, dato che il famigerato “end of timing” è fuori città.

“end of timing ahead” e infine “Control Stop End of Timing”.

Alle 17.29 Emilia 3 ha attraversato la linea d’arrivo mentre Mauro Sassatelli, l’anima di questo progetto solare, sventolava la bandiera italiana.

Missione compiuta per Onda Solare!

Darwin-Adelaide, il Bridgestone World Solar Challenge 2013, completato da Emilia 3 con la sola energia del sole!

Una foto dei festeggiamenti pochi minuti dopo aver tagliato l'ambito traguardo di Adelaide!
Una foto dei festeggiamenti pochi minuti dopo aver tagliato l’ambito traguardo di Adelaide!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *